Caporalato: Serie B al fianco di Focsiv per l’agricoltura familiare

Dal 25 marzo al 25 aprile la Serie B scenderà in campo per dare il fischio d’inizio alla campagna di Focsiv “Abbiamo RISO per una cose seria”, che sosterrà 41 interventi di agricoltura familiare nei Paesi più poveri del mondo.

B solidale e Serie B danno il calcio d'inizio alla campagna di Focsiv contro il caporalato e a favore dell'agricoltura familiareVincitrice del bando “Disagio sociale” di B Solidale, quest’anno Focsiv lancerà la sua campagna “Abbiamo RISO per una cosa seria” dai campi di calcio della Serie B. Dal 25 marzo, per un mese, i calciatori scenderanno sul terreno di gioco ricordando il sostegno della Lega B al progetto che finanzierà 41 interventi di agricoltura familiare, in favore di circa 195.000 contadini delle aree più povere del mondo.

L’orizzonte della Campagna è il fine settimana del 6 e 7 maggio 2017, durante il quale 4000 volontari del Focsiv saranno nelle piazze per raccogliere fondi in cambio di pacchi di riso 100% italiano, prodotto dalla rete FdAI, Firmato dagli Agricoltori Italiani, a fronte di una donazione minima di € 5,00.

Il progetto contro il caporalato, “Villaggio Solidale”, che propone una filiera alternativa controllata che permetta di sottrarre gli immigrati all’intermediazione illecita e allo sfruttamento illegale, rappresenta solo una parte degli interventi previsti. Tra le realtà che è possibile finanziare con “Abbiamo RISO per una cosa seria” c’è anche Casa Scalabrini 634 di ASCS Onlus, per il progetto di agricoltura sociale Campi Ri-Aperti che vede anche la collaborazione di Oasi e di Kairos Cooperativa Sociale.

Abbiamo Riso per una cosa seria: la campagna FOCSIV sostiene anche Casa Scalabrini 634

L’iniziativa è nata per combattere il fenomeno dello sfruttamento e del caporalato, per ridare dignità e diritti ai lavoratori del settore agricolo del nord e del sud del mondo favorendo l’agricoltura familiare. La Campagna vede anche l’affiancamento di Coldiretti e Fondazione Campagna Amica, con il Patrocinio del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e la diffusione nei Centri Missionari Diocesani della CEI.

Come riporta il sito www.abbiamorisoperunacosaseria.it, con queste parole il Presidente FOCSIV, Gian Franco Cattai, ha descritto l’opportunità dell’incontro con B Solidale: “Siamo onorati di poter avere il sostegno di B Solidale per la Campagna di FOCSIV. Nella squadra di “Abbiamo RISO per una cosa seria” abbiamo i tanti giocatori, gli allenatori e i presidenti della Serie B ConTe.it insieme ai contadini del Nord e del Sud del mondo ed i consumatori tutti uniti da una visione condivisa che mette al centro le persone e il lavoro dei campi, i territori e le tradizioni locali, le biodiversità e la salvaguardia dell’ambiente, lo sviluppo sostenibile e il diritto di rimanere sulla propria terra e, allo stesso tempo, sostiene le piccole comunità rurali, promuove politiche favorevoli, assicura a tutti il diritto al cibo e divulga la conoscenza del valore dell’agricoltura familiare come risposta alla crisi globale, ai cambiamenti climatici, alle emigrazioni. Una grande forza per ribadire che si può essere attivi nelle scelte che ci riguardano più da vicino, che ci si può liberare dalla schiavitù dei prezzi imposti dalle multinazionali dell’agroalimentare, che si può dare una risposta concreta al fenomeno del caporalato e ci si può difendere dai condizionamenti dell’agribusiness grazie all’agricoltura familiare”.