Campi aperti per il sociale – L’agricoltura sociale per la prevenzione e la riduzione del disagio minorile

  • Articolo pubblicato il 1 Maggio 2012

In attuazione della Legge 285/97, l’Associazione Oasi, in collaborazione con la Rete delle Fattorie Sociali, realizza il progetto “Campi aperti per il sociale – L’agricoltura sociale per la prevenzione e la riduzione del disagio minorile”, allo scopo di:

  • migliorare la conoscenza del potenziale espresso dall’agricoltura sociale nell’ambito socio-educativo, di prevenzione e contrasto del disagio e di inserimento lavorativo degli adolescenti;
  • mettere a punto, sperimentare, valutare e diffondere un modello di intervento che utilizzi tale potenziale, in un’ottica non assistenzialistica, ma di inclusione sociale;
  • aumentare il capitale sociale delle città mediante il sostegno e l’integrazione tra le reti di soggetti che si occupano dei percorsi di protezione e promozione degli adolescenti (scuole, centri di formazione professionale, centri educativi territoriali, servizi sociali, associazionismo, cooperazione sociale, ecc.) con quelle di carattere economico-imprenditoriale, nell’ambito dell’agricoltura sociale (aziende agricole, fattorie sociali, gruppi di acquisto solidale, imprese sociali, ecc.).

Documenti utili

Altre notizie sul progetto

Seminario 13.06.2014 “L’agricoltura sociale per la prevenzione e la riduzione del disagio minorile”

Il progetto di Oasi “Campi aperti per il sociale” in onda sul TG3 e TG1

“Campi aperti per il Sociale”. Giornata di studio con i servizi per i minori

Campi aperti per il sociale – II edizione del workshop “Agricoltura Sociale: le campagne urbane che educano alla felicità”