Servizio Civile: 10 errori da evitare nella presentazione del progetto

La Regione Lazio ha pubblicato un documento per guidare i soggetti che si apprestano a preparare la presentazione del progetto per il Servizio Civile.

Errori da evitare nella presentazione del progetto per il servizio civileUn semplice documento, 10 pagine per 10 errori che si commettono comunemente nella presentazione del progetto per il Servizio Civile.
L’avviso pubblico per l’anno 2017, infatti, è stato pubblicato lo scorso 6 settembre e gli enti di Servizio Civile hanno tempo fino alle ore 14.00 del 17 ottobre per completare la procedura.

Vediamo quali sono gli errori che, sinteticamente, la Regione Lazio ha invitato a non commettere:

  1. Non dimenticare di firmare il progetto digitalmente. La firma digitale deve essere valida.
  2. Non dimenticare di convertire il progetto in PDF e controllare che sia leggibile nel nuovo formato.
  3. Non dimenticare di redigere l’istanza di presentazione in base alle modalità descritte al paragrafo 3.2 del prontuario e di firmarla digitalmente.
  4. Non dimenticare di stampare le copertine di Helios dopo aver inserito la documentazione online.
  5. Non dimenticare che nella formazione specifica deve essere previsto un modulo relativo alla “Formazione e informazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari in progetti di Servizio Civile” con indicato il nominativo del relativo formatore competente.
  6. Non dimenticare di indicare come verrà erogata la formazione generale e la formazione specifica. Ricorda: 80%-20% o l’unica tranche per la formazione generale, come indicato nelle nota 34 del prontuario, e 70%-30% o l’unica tranche per la formazione specifica, come indicato nella nota 41.
  7. Non dimenticare di indicare i moduli della formazione specifica, chi sono i formatori che li curano e per quante ore.
  8. Non dimenticare che i CV degli olp e dei formatori specifici devono contenere l’autodichiarazione ai sensi degli artt. 46 e 47 del d.p.r. 445/2000. Ad ogni CV deve essere allegata copia di un documento d’identità valido.
  9. Non dimenticare di inviare tramite PEC istanza, autodichiarazione e copertiene Helios prima della scadenza del bando.
  10. Ricorda di inviare la PEC alla Regione e non all’Ufficio Nazionale del Servizio Civile.