Povertà educativa: il contest letterario di Con i Bambini

“Tutta un’altra storia” è il contest letterario sul tema della povertà educativa organizzato dalla Fondazione Con i Bambini, in collaborazione con 20lines, aperto a ragazzi di 14-18 anni.

Tutta un'altra storia: contest letterario di Con i Bambini sulla povertà educativaCon i Bambini ha pensato ad un contest letterario per dare ai ragazzi la possibilità di esprimere la propria creatività in merito ai temi che riguardano i problemi e le fragilità degli adolescenti di oggi, in particolare coloro che vivono nelle zone più disagiate del paese. Il tema cardine del concorso è la povertà educativa. L’impossibilità, specialmente per coloro che soffrono anche una condizione di povertà assoluta, ma non solo, di comprare un libro o partecipare ad attività culturali e sportive.

Il contest di Con i Bambini è in collaborazione con la community di scrittori 20lines ed è rivolto a tutti gli adolescenti del territorio nazionale che abbiano un’età compresa tra i 14 e i 18 anni. Parte il 29 maggio 2017 e terminerà il 30 settembre 2017.

“L’obiettivo non è solo quello di far emergere uno spaccato sul mondo adolescenziale di questi giorni, con tutti gli ostacoli economici, sociali e culturali che impediscono ai ragazzi di sviluppare i loro talenti, ma soprattutto quello di dare spazio al loro punto di vista sulla realtà.
Vogliamo raccontare, attraverso i ragazzi, la loro volontà di cambiare le cose, – spiega la Fondazione – la creatività e i sogni che, “nonostante tutto”, non muoiono e cercano uno sbocco reale, per ridare centralità ai diritti degli adolescenti”.

L’iniziativa rientra nell’ambito delle attività di promozione del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e si propone, anche, di facilitare il dialogo con la scuola e la famiglia, e con un pezzo di società che non presta loro la giusta attenzione, non li rende realmente partecipi e protagonisti del loro futuro o addirittura non si accorge di una generazione talmente fluida da risultare invisibile. Lo sguardo è rivolto alla necessità di dar vita a una “comunità educante” che possa dare delle risposte a una generazione che ha bisogno di costruirsi un’identità e avere un ruolo attivo e propositivo nella costruzione della società di domani.

A giudicare i lavori sarà una giuria di qualità, composta da scrittori affermati. In fase di selezione dei lavori si terrà conto anche delle segnalazioni provenienti dalla community di 20lines, attraverso il numero delle preferenze on line. I racconti selezionati faranno parte di una pubblicazione e-book, scaricabile gratuitamente online e distribuita alle istituzioni nazionali.

Tre parole-concetti, che rappresentano altrettanti pilastri per una società migliore per i ragazzi, dovranno emergere dai racconti: periferie, povertà educativa, comunità educante.

Per ulteriori informazioni: conibambini.org