Attività contro la sedentarietà: 200 volontari per MEW Movement Environment Well-being

Contrastare le conseguenze della sedentarietà con un protocollo europeo di attività e stili di vita. Sabato 12 maggio, a Roma, la Presentazione ufficiale del progetto europeo MEW_Movement Environment Well-being

MEW, un protocollo di attività per il contrasto della sedentarietà

Le conseguenze della sedentarietà possono essere serie per il benessere della singola persona, ma anche per la comunità. La spesa sanitaria risente dei disturbi e dei sintomi di uno stile di vita sedentario.
Fare attività fisica può diventare anche un risparmio economico per il welfare dello Stato.

 

Partendo da queste motivazioni prende spunto il progetto europeo MEW Movement Enviroment Well-being, che vede la collaborazione di diversi partner italiani ed internazionali come CSEN, ASL ROMA 2, Università degli studi di Roma “Foro Italico”.

 

Lasciaci un contatto per ricevere aggiornamenti su notizie, opportunità di formazione e consulenza per chi lavora nel sociale

Cos’è MEW Movement Enviroment Well-being?

Il progetto europeo vuole promuovere un protocollo di attività e stili di vita per il contrasto alla sedentarietà. Un’opportunità di cura per il benessere individuale e sociale e di risparmio economico per la spesa sanitaria.

 

Il protocollo di attività, sarà il prodotto di un percorso di ricerca, analisi e studio svolto dai promotori del progetto e sarà sperimentato con il coinvolgimento diretto di 200 volontari in Europa dai 30 ai 55 anni: 40 italiani; 35 tedeschi; 25 portoghesi; 25 irlandesi; 25 rumeni; 25 lettoni; 25 inglesi. 
Lo staff operativo, garantirà il monitoraggio ed il sostegno ai partecipanti e avrà il compito di rilevare i risultati raggiunti nella sperimentazione.

 

10 eventi per incoraggiare l’attività motoria

Per promuovere la conoscenza del progetto, sostenere il coinvolgimento e la motivazione dei partecipanti, incoraggiare l’attività motoria e la mobilità sostenibile saranno organizzati 10 eventi di una giornata con percorsi di trekking, in bicicletta o camminata. Tre eventi si svolgeranno in Italia a partire dal prossimo ottobre e nello stesso periodo si svolgerà un evento in ognuno dei Paesi partner del progetto: Germania, Portogallo, Irlanda, Gran Bretagna, Romania, Lettonia, Olanda.

 

Cosa fare contro la sedentarietà? Il protocollo di attività

Le informazioni emerse nella fase di sperimentazione e dai partecipanti agli eventi saranno utilizzate per elaborare la versione finale del “protocollo di attività”. Un insieme di comportamenti e di prassi elaborato da Organizzazione e Università di 8 Paesi Europei. Sarà la descrizione di comportamenti virtuosi che ogni persona potrà scegliere di agire per favorire la pratica motoria, abbracciare un corretto stile di vita, avvicinarsi a percorsi di consapevolezza sociale, sostenere il risparmio della spesa sanitaria.

Il Progetto ha in programma di costituire un gruppo di “volontari europei dello sport” per la diffusione del “protocollo attività” alla conclusione del progetto.

 

L’evento di presentazione a Roma

Sabato 12 maggio, alle ore 12.00, la Sala Tevere della Regione Lazio (Via Cristoforo Colombo 212, Roma) ospiterà le delegazioni delle Organizzazioni Europee per dare il via ufficiale al Progetto MEW.

Scarica il Programma della Presentazione ufficiale

Puoi aderire gratuitamente al progetto MEW

Puoi far parte del gruppo di volontari europei che testeranno il protocollo di attività per il contrasto alla sedentarietà. Le attività saranno sperimentate con un gruppo di 200 volontari, 40 italiani. Per 6 mesi saranno seguiti gratuitamente da un trainer per verificare l’effettivo miglioramento e beneficio del diverso stile di vita adottato.

Se sei interessato, puoi contattare l’indirizzo volunteers@projectmew.eu entro il 30 giugno 2018.

MEW Movement Environment Well-being

Per approfondimenti: CSEN – Centro Sportivo Educativo Nazionale

Vuoi ricevere altre notizie?
Hai bisogno di supporto o consulenza per progettare interventi nel sociale e realizzarli?

Contattaci
Iscriviti alla Newsletter di Oasi