Progetto AMAR – Agenzia di Mediazione Abitativa di Roma: al via il servizio per i migranti che cercano casa

Sono attivi a Roma, nei Municipi 2 e 7, gli sportelli del progetto AMAR – Agenzia di Mediazione Abitativa di Roma, per sostenere i migranti nel loro percorso di ricerca della casa e tentare di affrontare le discriminazioni etnico-razziali nell’accesso all’alloggio.

Due gli sportelli messi in campo da AMAR per offrire ai migranti cittadini di Paesi terzi regolarmente soggiornanti in Italia, i seguenti servizi:

  • Sostegno e accompagnamento alla ricerca dell’alloggio;
  • Sostegno nelle pratiche amministrative e contrattuali;
  • Orientamento ai servizi del territorio;
  • Consulenza sul microcredito per necessità familiari (caparra, ristrutturazioni, arredi);
  • Corsi su comunicazione interculturale, regolamenti condominiali, gestione del bilancio familiare.

Due le sedi degli sportelli attivi fino al 30 giugno 2014:

  • Centro cittadino per le migrazioni, l’asilo e l’integrazione sociale – Municipio 7 – Via Assisi, 41 – Roma. Apertura al pubblico: martedì e giovedì dalle 15,00 alle 18,00. tel. 0678850299e. mail: [email protected]
  • Municipio 2 – Via Goito, 35 – Roma. Apertura al pubblico: mercoledì 15,00-18,00 e venerdì 9,30-13,30. tel. 3404186850. e-mail: [email protected]

Per gli enti pubblici e privati che intendono segnalare persone con le caratteristiche indicate e che vogliono usufruire dei servizi di AMAR, è disponibile una scheda di invio da compilare ed inviare ai nostri sportelli.

Da gennaio 2014 in partenza corsi di formazione rivolti agli amministratori di condominio sui temi della mediazione sociale in ambito condominiale, il portierato sociale, la comunicazione interculturale, la gestione dei conflitti, la discriminazione razziale.

Gli sportelli svolgono inoltre servizio di orientamento e supporto per la segnalazione dei casi di discriminazione etnico-razziale all’Unar – Ufficio nazionale antidiscriminazione razziale.

Clicca qui per scaricare il volantino

Clicca qui per informazioni sul progetto AMAR